lunedì 6 ottobre 2008

La scuola secondo Bossi

Come a dire "tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare"...
Quel poveretto del figlio del Bossi, bocciato per la seconda volta in una scuola privata, non trova di meglio da fare che dare la colpa ai terroni.
Intanto andrebbe bocciato in storia e geografia, solo a ricordargli che sua madre é meridionale.
Poi in matematica perché quella commissione aveva un solo componente meridionale su quattro o cinque.
D'altro canto, essere figlio di tale padre, che per anni, in quel di Cassano Magnago affermava di essersi laureato in medicina (con tanto di festeggiamenti dei famigliari), mentre non era affatto vero, costituisce un impegno, quasi una tradizione di famiglia da rispettarsi.
Ma ignorante che non sei altro! Studia! Invece di usare i libri dalla biblioteca della Camera dei Deputati per farti scrivere la tesina da un portaborse del tuo babbo. Almeno leggila la tesina!!!
Non avertene a male, anche se non avrai MAI un diploma, un posto nel fantastico movimento leghista non te lo nega nessuno: guarda Borghezio quanta strada ha fatto....

GIulio Regeni? Amen...