giovedì 16 giugno 2016

il giovane Holden

“Mi saprebbe dire per caso dove vanno le anitre quando il lago gela?”
E' questa la domanda esistenziale che attanaglia il giovane Holden Caulfield, protagonista di questo "Bildungsroman" - romanzo di formazione... E disarma la sua domanda, mentre intorno a lui si agitano ragazzi sporchi, bulli, professori saccenti o peggio pederasti, prostitute e papponi, madri che non conoscono i propri figli e altri incredibili personaggi.
Potrebbe giocarsi il ruolo del candido di Voltaire, questo giovane incerto tra il diventare adulto (ma guardandosi in giro non lo vuole e noi con lui) e restare nel limbo senza responsabilità dell'infanzia.
Non si da pace il buon Holden. Non solo e non tanto per la bocciatura che si è guadagnato nella scuola da cui sta fuggendo, ma quanto perché non si convince del perché si debba crescere per poi cacciarsi in questo inferno dantesco che è la New York di sessant'anni or sono.
Lo seguiamo nel suo girovagare sia fisico che mentale, nel suo porsi domande a cui non vi è risposta e che ove ci fosse sarebbe inutile conoscere.
Rimane qualcosa in cui credere? Per la quasi totalità del libro, Jerome D. Salinger (l'autore) ci fa intuire che no... non c'è nulla. Anzi che il nichilismo più totale pare sia l'unico strumento di difesa del povero Holden.
Ora si tratta di capire come far finire tanta rabbia e disillusione. Ed è una scoperta notevole per un testo americano di quegli anni: non la fede. Se ce l'ha Holden non la dimostra, certo si appassiona a due suore che fanno la questua, ma solo perché rappresentano la semplicità in mezzo al falso ed all'eccessivo vivere odierno.
Non i grandi. Questi sono da odiare. Non le ragazze. False, egoiste, inaffidabili.
Non gli insegnanti: tromboni, pedofili, alcolizzati, odiosi.
Rimane la famiglia. Ma non padre e madre. No, fratello e sorella.
Il primo morto, ci parla come da vivo. Accompagna Holden nel suo peregrinare e sembra quasi essere li con lui. La seconda più piccola e ben determinata, lo accoglie a casa e - al suo proposito di fuggire per sempre - lo convince a desistere e lo riporta sulla retta via.
Un piccolo capolavoro.
 
 

Insospettabili sospetti