mercoledì 18 gennaio 2017

Nel bosco dietro casa

Nonostante il freddo, anzi forse proprio per quello, non resisto... mi copro per bene e passeggio nei boschi dietro casa. Non ho grandi pretese, non vi sono visioni paradisiache o creste incredibili.. sono solo due passi in mezzo ad una natura dormiente su una comoda stradina.
Avevo già descritto questo itinerario un giorno in cui l'avevo percorso sotto la pioggia, armato di ombrello e stivali, incontrando una salamandra e nessun essere umano...
A guardar bene, il freddo pizzica le mani... ma per il resto sudo come pochi... anche il cappello è quasi un fastidio e poi... la neve... si ma ce n'è poca! Piuttosto il ghiaccio che ogni tanto mette in difficoltà...
 In lontananza il Campo dei Fiori... con la sua dorsale conosciuta e salita più volte...
 Qualcun altro ha avuto la mia stessa idea... almeno a giudicare dalle impronte...
Eccoci sul lato in ombra... sto girando intorno alla Cava di Travedona di cui ho ampiamente parlato e che rimane al centro delle preoccupazioni dei residenti delle zone limitrofe...
In cima alla salita che porta all'ingresso della cava, una breve pausa alla chiesetta.. posta sul Colle di Santa Maria in Ternate...
 Riprendo la via dei boschi, questa volta in direzione Nord Ovest sino ad arrivare al Cristo degli Alpini
 
 e da lì rimirare nuovamente il paesaggio ed il Lago di Varese...


I Simpson e la filosofia