mercoledì 26 giugno 2013

Andrea Pazienza

Un altro libro di fumetti. Questa volta Andrea Pazienza.
Nato nel 1956 e morto nel 1988 in giovane età e per una probabile overdose.
Il libro riunisce diversi periodi e diverse tipologie di fumetto.
C'è il Pertini - particolarmente spassoso. In parte Sturmtruppen ed in parte fumetto minimale. Ma non ingenuo.
Ci sono le storie di Penthotal - vera sperimentazione. Disegni raffinati accompagnano tratti appena accennati.
Personalmente non mi piace molto. Anche se dopo aver letto Sergio Toppi, mi ero fatto il gusto con la raffinatezza del suo disegno. Tuttavia Paz, al di là del percorso spesso onirico e sconclusionato, raffigura un periodo storico della nostra Italia in forma grafica, molto più efficace di resoconti e filmati. Ciao Paz.


GIulio Regeni? Amen...