lunedì 17 novembre 2008

Riccardo Villari: la coerenza prima di tutto

Essere eletti con i voti del partito avversario può anche far piacere.
Ma se uno non capisce che viene USATO come un cavallo di Troia, allora é grave.
Mi scusi Senatore Villari, mi viene da pensare che o Lei é un furbone oppure un interdetto.
In entrambi i casi non può occupare il posto che occupa e peggio ancora dovrebbe dimettersi dalla carica che Le deriva dai voti dello schieramento cui dice di appartenere.
Questo é il sunto della vicenda che vede il senatore Villari Riccardo nominato presidente della Vigilanza Rai con i voti della maggioranza, contraria l'opposizione.
Mi ricorda tantissimo quell'altro bellimbusto di De Gregorio che nella scorsa legislatura si prese la presidenza della Commissione Difesa con i voti di Silvio in barba al suo partito (l'Italia dei Valori) e poi pensò bene di passare dall'altra parte.
COERENZA ??? e che sarà mai....

La città nella storia