giovedì 27 novembre 2008

E' tornata la tessera del pane

Torna la tessera del pane. La famosa tessera "annonaria" di fascista memoria.
E' il festival del revival. il ritorno all'antico.
Dopo i proclami fascisti di La Russa e Alemanno, dopo le messe per i caduti papalini, il ritorno del grembiule (nero) a scuola ed il voto in condotta, eccola.
40 Euro al mese, per farci che mi chiedo io?
Per utilizzarla in negozi convenzionati. Caspita!! che trovata. Schiere di nonnetti morti di fame esultano.
1 euro e 20 centesimi al giorno di abbuffate.
Da far salire la pressione come cantavano Cochi e Renato. Mi immagino le prossime mosse a favore dei meno abbienti. La distribuzione di cappotti e coperte usate della croce rossa (o padana), la reintroduzione della solidarietà invernale della Hitlerjugend? I forni sorvegliati dai militari? Ci sono gia... mi dicono... Mentre i ladri a breve potranno usufruire di un altro sconto di pena, i poveri onesti faranno la fame... no scusate avranno la tessera di Tremonti.... Che grasso Natale!

Referendum? no, grazie.