sabato 16 agosto 2008

Cucciola e Kappler - La terza


Un giorno Cucciola rubò il messale in Chiesa.
Il perché non me lo spiego; non credo per disprezzo, probabilmente pensava di venderlo e ricavarne abbastanza da berci qualche bicchiere.
Il prete, scoperto il furto e individuato il colpevole, cominciò a rincorrerlo per tutti i bar, ad implorarlo, a pagargli da bere per rabbonirlo.
Alla fine Cucciola, ottenuto il risultato di bere gratuitamente si convinse.
Restituì il messale al prete, il quale sollevato, tornò in tempo per la messa della sera.
In un altro posto, il prete si sarebbe rivolto ai Carabinieri. Forse lo avrebbe fatto arrestare.
Da noi no! Al mio paese anche gli ubriachi hanno una loro dignità, anche i ladri di polli. Tutti possono sbagliare, tutti tollerano. Forse semplicemente perché tutti hanno più tempo da perdere per i rapporti umani, e di questi tempi non é cosa da poco.

GIulio Regeni? Amen...