venerdì 24 marzo 2017

Racconti di Guerra

La guerra del Vietnam (e non solo) raccontata come solo Will Eisner è capace di fare.
Con i fumetti certamente, ma anche con ironia, con satira, con emozione.
Quando urlano, i personaggi di Eisner sembrano uscire dalle strisce... e ogni racconto ci restituisce la realtà meglio di tanti racconti.
Ma come ci arriva Eisner in Vietnam? Come disegnatore di istruzioni per assemblaggio di parti meccaniche e di mezzi militari... a dimostrazione che il disegno arriva ovunque... ma veniamo ai racconti:
 
L'ultimo giorno in Vietnam il maggiore che all'ultimo giorno di Vietnam, accompagna il corrispondente verso il fronte e rimane bloccato durante un attacco. Una gamma di emozioni, dall'ilarità al terrore puro... superbo.
Sul perimetro mentre tutto intorno è guerra, i corrispondenti prendono il sole sulla terrazza dell'albergo ed aspettano notizie per scrivere il loro pezzo. C'è chi è felice e chi si dispera.
L'incidente Verrebbe da dire che tira di più un pelo di ... che un carro di Vietcong! un militare al bar, mentre beve ricorda l'ultima avventura che lo ha ridotto tutto bene e cerotti. Un'avventura che non ha nulla di eroico... Dopo un rapporto fugace con una vietnamita, lei gli piazza un ordigno sotto il letto... uscito dal bar ne incontra un'altra e si ricomincia da capo...
Un giorno in Corea il racconto di un depresso che mentre ripercorre la sua vita di sconfitte cerca di abbattere una vecchina con un colpo di fucile... come a caccia!
Lavori pesanti Tutto muscoli e rabbia il nostro soldato. Ma poi si scopre che il suo tempo libero lo passa in un orfanotrofio a far del bene.
Croce al merito per George. George si ubriaca tutte le sere e tutte le sere presenta domanda per andare al fronte. Ogni volta lo salvano gli amici, facendo sparire la domanda. Sino a quando arriva un novellino e rovina tutto. Fatalità e rassegnazione.
Un sano disfattismo, una pervicace ironia, una rassegnazione tutta umana, una disperazione spesso mimata, questo è Eisner e questi sono i personaggi che si muovono nelle sue storie, sia che si trovino in mezzo ad una foresta, su un elicottero o imboscati in un ufficio al riparo da tutto il clamore...

Omicidio all'italiana