venerdì 24 marzo 2017

Lago d'Iseo

Diretti nel bergamasco, eccoci sul Lago d'Iseo, per l'esattezza sul ponte che divide Sarnico da Paratico. Lo attraversiamo e visitiamo il lungo lago, un mercatino di oggetti usati anima il luogo e sono molti i locali a passeggio.
Lo dico subito, la giornata è fredda e solo nel tardo pomeriggio si scalderà a dovere...
Bellissima vetrata che ospita un interessante ristorante vista lago..
L'amato acciaio Corten con la rappresentazione di giocolieri e funamboli.

Seduto tra l'erba? questi cespugli ricordano il nord Europa e affascinano assai.
Chi l'ha detto che il cane sia il miglior amico dell'uomo? Anche il porcello vuole la sua parte!
Libri intorno alla fontana... Da quando faccio i mercatini dell'usato, questi posti mi acchiappano.
Il più originale di tutti è questo signore che riproduce oggetti preistorici: coltelli, mazze, archi, decorazioni... bravissimo.
Le cime dietro il lago...
Meditazione...
Ma è un Pomodoro? Certo ci somiglia...
Ci spostiamo a Lovere... uno dei Borghi più belli d'Italia. Mizzega! e quelli più brutti allora come sono? Grande delusione...
Un padre della Patria, Savoia XIV, XV o salcazzo altro lo si trova sempre... quando abbatteremo questi inutili ricordi di una casata di codardi e cornuti?
Il Leone di San Marco ha gli occhi strabici... ma non per questo non affascina...
Grande consolazione è il pranzo... con i taglieri subito da me ribattezzati di Mordor, per le loro enormi dimensioni... se a fine pranzo mi avessero fatto le analisi del sangue avrei sicuramente perso la patente...

Morgan