domenica 9 febbraio 2014

Peak - un mondo al limite

Hannes Lang gira questo documentario. E come tale rimane. Non giudica, non esprime giudizi, non vi sono musiche di sottofondo per indirizzare l'umore di chi guarda. Inizia e finisce con due coretti alpini, resta da capire se sono canti di gioia o di resa.
La sfida è rendere reversibile il percorso che vede trasformarsi l'utilizzo delle montagne e il popolo che le abita. Ma per fare questo, al di là dei paroloni e degli studi sociologici, Lang preferisce lasciar parlare le immagini e i diretti interessati.
E a volte, più delle parole, sono le persone riprese sullo sfondo dei monti, in silenzio osservano stranite la telecamera, a far capire o almeno intuire che qualcosa non va.
Una montagna in profondo cambiamento rispetto ai suoi ritmi lenti a cui va data la massima attenzione.
Non necessariamente il progresso è negativo, anzi ! Ma non può prescindere dall'ascolto delle voci che giungono dal basso. Certamente dai protagonisti di questo filmato.

L'arte di collezionare mosche