lunedì 17 febbraio 2014

L'assassino - Michele Serra


Finito di leggere in una serata. Dovrebbe far ridere, ma la storia dell'assassino di negozianti impropri, ovvero che assegnano nomi improponibili alla propria attività o vogliono vendere prodotti senza averne alcuna ragione, non fa ridere affatto.
Questo libro è, in fondo, una feroce critica all'attuale visione delle cose ed a come il mercato abbia trasformato in necessità ed in bisogno anche il superfluo e l'inutile. Mi viene da citare Roland Barthes e il suo "Miti d'Oggi". 
L'assassino si confessa e giustifica le sue azioni citando per filo e per segno negozi e prodotti che quotidianamente ci troviamo sotto il naso. Come dargli torto? 

2:22 il destino è già scritto