sabato 27 settembre 2008

André Zucca - Ovvero quando la Kodak svela

In questi giorni, é in corso a Parigi, un importante rassegna fotografica sul passato della città.
Di particolare interesse, il periodo dell'occupazione nazista dal 1940 al '44.
Scalpore e polemiche hanno suscitato le foto di André Zucca, fotografo ufficiale del regime di occupazione nazista.
A lui era dato il privilegio di usare le prime pellicole Kodak a colori.
E' incredibile la forza di queste immagini!
Quella a lato, ove si vede l'anziana donna, costretta (per la sua origine ebrea) a portare la croce gialla di David, la dice molto più lunga di molti trattati di storia in merito al razzismo, al nazismo ed alla discriminazione.
Svelata dal colore, la memoria riacqusta forza e lo sdegno é totale.
Il dolore diventa reale, attuale, non antichi ricordi. La forza dell'immagine é tale da far riflettere anche i revisionisti da quattro soldi che si affacciano da ogni dove (Alemanno, La Russa, ecc.) ora che Silvio ha vinto le elezioni.... meditate gente meditate....

GIulio Regeni? Amen...