mercoledì 22 gennaio 2014

Corro perché mia mamma mi picchia

Piccolo e divertente libro sulla corsa e su tutto quello che ci gira intorno.
Narratori di eccezione: Giovanni Storti - quello di Aldo Giovanni e Giacomo e Franz Rossi, che di corsa se ne intende.
Perché vale la pena di leggerlo? Perché intanto che parla di corse, racconta che succede intorno: i popoli incontrati, i paesaggi, gli umori, le persone che organizzano e permettono di far funzionare una super gara, chi vive di corsa, chi ci riversa i fine settimana e chi sta a lato strada ad applaudire.
In giro per il mondo, scopriamo i segreti degli allenamenti, degli integratori, delle scarpe, del correre insieme.
Qualche caduta qua e la, quando si cerca di riempire le pagine con racconti che non vanno oltre il buffo.
Bella la frase: "Tutti sono medici con gli infortuni degli altri. ascoltate pure gli amici più esperti, ma fidatevi solo (nell'ordine) di voi stessi e dello specialista".
E per chi è pigro o fatica a correre con il maltempo: "Non esistono cattive condizioni meteo, ma solo gente senza palle". Alla faccia :)

L'arte di collezionare mosche