venerdì 30 agosto 2013

B.C. Fumetto

Nasce nel 1958 dalla matita di Johnny Hart il fumetto B.C. Before Christ (avanti Cristo in italiano).
E' una preistoria tutta particolare quella che vi è rappresentata. Cosa mai ci sarà da ridere in un mondo piatto, con vulcani, dinosauri, formichieri e formiche e due donne (di cui una brutta e cattiva)?
E invece pare che il  tempo per annoiarsi non ci sia, per il semplice fatto che, al netto dei gadget tecnologici che ci attorniano, l'uomo resta sempre tale, con i suoi dilemmi, le sue folli pensate, le sue meschine idee e i suoi voli pindarici.
Così abbiamo la ruota ma non sappiamo che farcene, abbiamo i fiammiferi ma si accendono allungano un braccio al cielo e aspettando un fulmine, abbiamo le caverne ma sono sporche e per nulla ambite.
Il protagonista è un uomo quasi evoluto, privo di peli e che pratica sport, incide scritte su lastroni di pietra, usa conchiglie per pagare la merce, c'è lo psichiatra e il dottore (e come in Penauts sta tutto il giorno appoggiato ad un pietrone con la scritta che lo pubblicizza sotto).
Non sono da meno gli animali: i pochi dinosauri, una tartaruga, un serpente, un formichiere, le evolutissime formiche (con tanto di televisione), un uccello senza ali, pesci, le ostriche, tutti con i loro pensieri, le tribolazioni e le speranze in tutto e per tutto simili all'uomo. Geniale.

il giuoco delle perle di vetro