lunedì 7 agosto 2017

Autopsy

Tommy e Austin Tilden ne hanno viste di tutti i colori nel loro obitorio di famiglia... Così, quando la polizia gli rifila il cadavere di una ragazza apparentemente intonso, decidono di dedicarsi al caso con la consueta attenzione e curiosità.
Quello che scopriranno non sarà per nulla scontato ed avrà un prezzo terribile da pagare...
Ottima la regia, per questo horror che, mette a nudo (in tutti i sensi) un corpo umano, superando il limite del rigor mortis per terrorizzare lo spettatore ignaro..
Vediamo l'indagine farsi letteralmente strada nel corpo della poverina, scoprendo ogni singola parte, lingua tagliata, fiori negli intestini, un macabro rito, scritte tracciate all'interno del corpo... richiami alla Bibbia.. ma cosa realmente hanno di fronte i due medici?
Grande Brian Cox, attore scozzese che non delude mai... così come di Emile Hirsch, già apprezzato con "Into the Wild"... dura quindi la vita del coroner... costretto a fare a pezzi le persone (e noi apprenderemo un sacco di nozioni sul poco amato mestiere) e la ricerca della verità... cosa ha ridotto così questa donna? Cosa ha fatto in modo che il corpo integro fuori sia distrutto internamente e conservi terribili segreti del passato... Un ottimo horror. senza alcun dubbio.
Nota interessante: Ezia mi ha spiegato che Jane Doe (dal titolo originario Autopsy of Jane Doe), così come Joe Doe, è un modo per intendere tizio e tizia... cioè persona non nota.. Forte!

Allegro ma non troppo...