sabato 6 febbraio 2016

Family Bay

Al Family Day ci può ovviamente andare chiunque, come altrettanto chiunque può liberamente partecipare al Cirinnà Day o al Gay Day o al Volemosebene Day.
Quello che trovo inconcepibile, viceversa è la necessità, tutta italiana, di fare manifestazioni contro e mai pro.
Una manifestazione in cui dei preti, manifestino per la famiglia (entità a loro ignota) e contro le unioni civili (altra entità a loro ignota) mi fa quasi piangere... Ma questo è. In uno Stato papalino e sottomesso alle nere vesti, questo ci tocca.
Difendiamo i bambini, leggo in fondo, ma da chi? Dai pedofili? Da alcuni preti? Da tanta follia?
Difendiamo le persone che si vogliono bene. Proviamoci almeno.

Referendum? no, grazie.