domenica 18 gennaio 2015

Ouija - il film


Film del 2015, diretto da Stiles White (al suo attivo altri horror) e con un cast di quasi sconosciuti. Primeggia Lin Shaye nel ruolo di Paula Zander, sorella e figlia degli spiriti evocati (ve la ricordate in Insidious ?).
Partendo dall'uso della tavoletta Ouija, particolarmente famosa negli States, narra una storia di evocazione spiritica, di case maledette, di soffitte in cui trovi di tutto e di più.
Mancando di una vera storia (di quelle con la S maiuscola) gli USA devono inventarsi a seconda dei casi: cimiteri indiani (i soliti maledetti nativi americani), medium degli anni 30, maledizioni babilonesi importate dall'estero (un made in Cina ante-litteram).
Ecco così che il suicidio dell'amica del cuore diventa spunto per indagare il mondo dell'occulto e scoprire (ma dai? ma non mi dire..) che la realtà non è mai come ce la immaginiamo.
La sequenza di morti ammazzati ci lascia quasi indifferenti, forse perché non facciamo in tempo ad affezionarci ai vari protagonisti.
Belli gli effetti speciali, con rumori, porte che si aprono e chiudono, immagini negli specchi e ombre.
Alcuni passaggi temporali del film sono incoerenti (dal primo suicidio al ritrovo al party post-funerale sembra passato un solo giorno...) altri lunghi oltre modo.

La tavoletta Ouija (il cui nome deriva da Oui e Ja francese e tedesco del nostro Si) detta anche scatola weegee il cui utilizzo è legato all'indicatore detto "planchette" (altro francesismo) e serve per mettere in contatto vivi e morti.
Molto nota negli States è stata oggetto di numerosi studi a dimostrare che bendando gli utilizzatori, le risposte diventano incoerenti... un motivo ci sarà. Attualmente è commercializzata dalla Hasbro.

Un buon Horror vi attende anche se, dispiegata la trama il finale è quasi scontato (e non lo racconto) e il doppio finale con scoperta richiama altri film del genere (il messaggero).
Meno splatter di tanta filmografia recente ci si aspettava di più..

Che ci faccio qui?