domenica 24 aprile 2016

Lui è tornato


Premetto subito che voglio un gran bene ai tedeschi, ma che li trovo privi di senso dell'umorismo. Manco ci provano e peraltro, manco dovrebbero provarci.
"Lui è tornato" ne è un esempio.
Se decidi di far tornare zio Adolfo, rendilo credibile!
E così assistiamo al suddetto ritorno, con nube di fumo (forse zolfo?) nel mezzo della Berlino odierna. Nessuno bada a Hitler. Forse perché abituati a vedere ogni genere di stranezze, anzi il personaggio diventa un icona pop e ottiene un contratto come comico televisivo. Certo per tenere in piedi la trama, occorre stiracchiarla qua e là... tuttavia, ad uso e consumo dei tedeschi e della loro moscia politica, si riesce a tenere in piedi quasi due ore di "è lui o non è lui"...
Intelligente il richiamo al film "La caduta", quando gli ascolti televisivi, a seguito dell'allontanamento di Hitler, cadono a picco mentre resta inquietante il finale... buona visione.

HhhH