giovedì 21 gennaio 2010

Sapessi come é strano trovare una trota nel listino

Bossi ha definito suo figlio "una trota".
A chi gli chiedeva se "il delfino" avesse un futuro in politica, il Senatur ha svicolato parlando di trota, pesce piccolo appunto. Ma anche pesce dei nostri laghi e fiumi, quindi un termine affettuoso, come giustamente avviene nel rapporto tra padre e figlio.
Meno romantico e divertente é trovarsi la predetta "Trota" nel listino bloccato del Presidente Formigoni in lizza per le prossime elezioni regionali della Lombardia.
Quali sono i meriti di questo "giovine"?? A parte ovviamente essere il figlio di cotanto padre.
Innanzitutto una scorrettezza: essere eletto senza bisogno di prendere voti. Snobbare gli elettori. Seconda scorrettezza: non avere alcun titolo, anzi averne di negativi, visti gli infausti esiti scolastici... (ricordate: bocciato dall'insegnante terrone..), terza scorrettezza: dato per certo come Assessore Regionale allo Sport, in quanto i suoi trascorsi (quali??) glielo permettono.
Allora poco poco, io (che sono un signor nessuno intendiamoci) potrei fare l'assessore europeo alla ricerca atomica perché sono in grado di cambiare le pile della radio... Complimenti vivissimi sig. Bossi per la trota... e per chi se la pesca.

i Templari