venerdì 5 giugno 2015

Pista Nera - Antonio Manzini

Ed ecco che, nella pletora di marescialli, ispettori, carabinieri, questori, investigatori privati e chi più ne ha e più ne metta, si avanza Rocco Schiavone, vicequestore romano spedito in punizione ad Aosta.
Aosta, qui descritta con gli occhi di un romano, manco fosse la Siberia o la Svezia di Nesbo.
Benché accattivante nella trama e nella narrativa, non tutto va come deve e qualche piccolo peccatuccio dobbiamo farcelo piacere, pur di finire il racconto...
Siciliano ambientato al Nord viene schiacciato da un gatto delle nevi, è subito chiaro che si tratta di omicidio, ma chi è il mandante e chi l'esecutore?
Tutti parenti, tutti amici, tutti con interessi per volerne la morte, mica è facile per il nostro antieroe, che deve farsi strada a sberloni e minacce... Ma si sa la verità trionfa sempre.


Susa