sabato 27 giugno 2015

Cartongesso - Francesco Maino

Si legge d'un fiato. Come se, interrompersi volesse significare fermare la vita dei personaggi, anzi del personaggio del testo. Si legge d'un fiato, perché è come veder scorrer l'acqua da una sorgente: non puoi fermarla, la lasci scorrere. Atto d'accusa di un certo nord, senza sconti, nemmeno per il protagonista. Cartongesso è un pugno nello stomaco del perbenismo, della furberia che regna sovrana, è l'estrema ribellione di chi non si trova in un sistema ideato solo per truffare il prossimo e ricavarne nulla.

Giancaro Vitali - Time Out