giovedì 8 novembre 2012

Mafiosi si nasce



Ho finito di leggere "Alveare" ottima interpretazione letteraria di Giuseppe Catozzella che descrive l'evoluzione della periferia milanese vista dal di dentro. Un ragazzo meridionale vive la propria giovinezza a stretto contatto con la malavita mafiosa e ne ricava una personale visione del mondo. 

Ho trovato stucchevoli alcuni momenti in cui cerca di descrivere il proprio stato d'animo, ma veramente ben resi i passaggi dell'azione violenta dei clan e del clima che si respira.
La morale del libro é racchiusa nelle parole dell'amico mafioso di Catozzella quando afferma che, dove la gente (tutta insieme) reagisce, la n'drangheta non può esistere. Gli dice "Noi ci siamo perché voi ci avete voluti". Riflettiamoci.

GIulio Regeni? Amen...