domenica 8 marzo 2009

il Piano Casa secondo me

La proposta lanciata dal presidente Berlusconi per smuovere il settore edile, oramai ingessato (dopo parliamo dei motivi) merita di essere esaminata e discussa.
Innanzitutto la materia, da parecchi anni é stata demandata interamente alle Regioni e quindi può essere disattesa totalmente o peggio applicata a macchia di leopardo con esiti deleteri.
Inoltre é utile segnalare che:
1) in merito al "premio volumetrico" per chi demolisce un fabbricato e ne costruisce uno nuovo, nulla da eccepire, in quanto questa cosa già avviene in alcune Regioni (Lombardia, Trentino, Piemonte, ecc.) a condizione che l'obiettivo sia il miglioramento dal punto di vista del rendimento energetico, della qualità dell'ambiente e del paesaggio (migliore struttura, migliore materiale, architetture consone con l'intorno). Cosa fattibile a condizione che le regole siano chiare; difficile capirne l'applicazione in centri abitati saturi di volumetria in barba ad ogni indice volumetrico e oramai danneggiate da 3 condoni in 20 anni...
2) viceversa, in merito alla possibilità di ampliamento "una tantum" (si spera) per case esistenti, é norma già utilizzata in molte Regioni, ma vale per aree di frangia, periferia o centro non saturo (le aree a verde privato per intenderci), difficile trovare applicazione in aree sature e sempre resta da capire che ne sarà del Codice Civile: distanze dai confini e da pareti finestrate...
3) l'abolizione del Permesso a Costruire (PdC) a fronte di una generica autocertificazione fatta dal progettista... anche in questo caso esiste già uno strumento analogo dal lontano 1994 (la DIA o Super DIA: denuncia di Inizio Attività), si tratta quindi di capire cosa ci sia di nuovo in questo..

I motivi per cui l'edilizia é ingessata: si é costruito troppo e male: seconde e terze case vuote tutto l'anno; case costruite male ed in deroga a tutto, condoni edilizi a go-go..

Morale: fermo restando che occorre leggere il testo dell D.L. che verrà licenziato dal Consiglio dei Ministri, l'impressione che sia l'ennesima sparata pre - elettorale che non muoverà un fico secco e produrrà parecchi casini... Ricordiamo che le norme statali hanno sempre regalato scempi edilizi perché mai realmente attente al territorio ma solo a far cassa...
Se nulla si crea e nulla si distrugge, in questo caso si perde territorio in cambio di voti... fate un pò voi.

GIulio Regeni? Amen...