mercoledì 5 aprile 2017

L'Italia dei Sindaci

 
Da Nord a Sud, da Est ad Ovest... Chiusi, Fiuggi, Messina, Airole, Ancona, Reggio Emilia, Ivrea, Bollate, Udine, Maddaloni, Marostica e poi un'intervista a Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente dell'ANCI.
Tutto questo ed altro ancora, contiene il libro scritto e pubblicato nel 2015 da Marco Giacosa e dedicato ai sindaci italiani, alle loro tribolazioni, ai dilemmi quotidiani, al far fronte alla crisi ed ai pochi soldi a disposizione.
E' un chaiers de doléances ove le parti buie sopravanzano quelle brillanti, dove assistiamo a veri atti di eroismo da parte di italiani seri, precisi, impegnati, capaci, che mettono se stessi in gioco per la propria comunità, per il proprio comune, per dimostrare che lo Stato esiste.
Funzionari che non collaborano, programma politico da rispettare, non farsi raccontare bugie da chi tiene i conti, farsi giudicare per le cose fatte, per come le si è fatte e non per quelle dette.
E poi ancora: partiti politici che mettono il becco; in questo bisogna dirlo tutti i colori  le aree di appartenenza sono uguali, pensano solo al loro rendiconto, il Sindaco è vissuto come una necessità per dare visibilità, ma poi o lo si abbandona o lo si ostacola perché è temuto come potenziale competitor e per la sua vicinanza al territorio...
I servizi gratuiti non si possono più dare, bisogna risparmiare su tutto (dicono a Fiuggi), il project financing è fallito, ci si fissa sul cavaliere bianco che viene da fuori ma sei tu e solo tu, quello che deve creare le condizioni.
A Messina cercano di combattere l'ego e l'ignavia, il luogo più sacro della città è il Comune, non la Cattedrale, perché fedeli sono molti ma cittadini tutti e solo la cultura sconfigge la Mafia e il substrato che l'alimenta.
Ad Airole: facciamo tutto noi, anche le corone per il 4 Novebre, recuperate dai funerali, per gli eventi non chiediamo le autorizzazioni, tempo perso, costi e burocrazia. Ci prendiamo i nostri rischi, l'alternativa è non fare nulla. Quando vengono i controlli? Fate quello che dovete!
Altro problema è la Lobby dei software: per fare il bilancio serve il SW ma lo Stato non te lo fornisce e pretende il risultato a costo invariato! Ma non hanno vergogna?
Sulla difficoltà di fare le cose: Troppo dibattito? Ad un certo punto ci può essere un totalitarismo della democrazia...
Ottima lettura, per farsi un'idea dei nostri tempi.
 

Alpe Pratogrande