domenica 6 aprile 2014

Liberate Tanko!

Matteo Salvini (qui rappresentato con l'aureola) una cosa giusta l'ha detta: quello non era un carro armato! Era un ruspa spara supposte!
E' evidente che mancando la capacità di fare del male i poveri Serenissimi vadano immediatamente liberati.
Peccato! Peccato per l'ingegno veneto, per averci provato a costruire il mostro liberatore dei popoli del nord - est che oltre ad essere finito nelle Patrie Galere (e non Padane Galere, badate bene) viene sbeffeggiato, a fin di bene si intende.
Se Tanko non poteva far male è solo perché è mancata la tecnica, non la logica! Di questo Salvini non vuol parlare e ci mancherebbe, siamo in campagna elettorale e va bene qualsiasi piroetta pur di raccattare lo 0,1 - 0,2 % e poter dire che la Lega non è morta.
Forse se invece di ordinare le armi in Albania, le avessero comprate all'italianissima Beretta (ammirata anche al di là dell'oceano) la rivolta ci sarebbe stata e non credo inoffensiva...
"Che Stato è quello che mette in galera le idee?" così ha dichiarato la Senatrice Erika Stefani.
Le rispondo gentile signora, e rispondo anche al buon Matteo Salvini: "Se le idee sono accompagnate da un mezzo blindato e da armi sia pure scassatissimi, lo Stato ha il dovere di accompagnarti in Galera, ti piaccia o no".

Un idea per la campagna elettorale: Perché non andare in giro per comizi usando Tanko?

Santuario Mariano di Guanzate