domenica 5 luglio 2015

Una pantera in cantina

Amos Oz riesce a far vedere il mondo dal punto di vista di un ragazzino di 12 anni. E lo fa talmente bene che questo libro merita di essere posto al fianco de "i sentieri dei nidi di ragno" di Calvino.
Convince nella sua semplicità, nella sua profondità, nella sua capacità di sondare l'animo umano di un bimbo, dei suoi amici e dei suoi genitori, mentre intorno si forma lo Stato di Israele.
Bellissima prova letteraria.

La congiura di Catilina