sabato 19 luglio 2014

Vanity Furby - Vanity Fear

Leggo Vanity Fair perchè mia moglie ne è abbonata.
Premetto che non mi dispiace, posso tenere sott'occhio il mondo delle Starssss senza correre rischi e trovo molti articoli arguti e spiritosi.
Devo tuttavia segnalare un operazione che ha del vergognoso e della  manipolazione allo stato puro, vero segno dei tempi e di come il mondo dell'informazione si sia piegato ai poteri forti pur di mangiare tutti i giorni pane e soprattutto companatico.
Non passa mese che il potente di turno, la ministra, il Passera, il wannabe di tendenza cerchino in tutti modi di apparire umani, innamorati, normali insomma. La realtà è ovviamente diversa, ma chissenefrega! l'importante è riuscire nell'intento di imbrogliare la lettrice/il lettore con ciarpame di bontà e ammmori buoni per tutte le stagioni.
Ed ecco apparire Ministre che bevono il lattuccio prima di andare a nanna, wannabe primi ministri che in concomitanza con la presentazione  del loro libro e del nuovo (ennesimo, quanto inutile) partito, vengono rappresentati in bicicletta con idilliache scene campestri.
Che dire? Auguro a tutti questi VIP S un gran bene. Trovo la stampa sempre più indecente.

L'arte di collezionare mosche