domenica 3 febbraio 2013

Limonov di Emmanuel Carrère


Limonov é un fascista. Ma é prima di tutto un uomo. E che uomo!
Uno che ha attraversato gli ultimi 60 e oltre anni sempre a testa alta. Soffrendo come ognuno di noi, ma con la schiena dritta, senza pentimenti e senza paura.
Ha fatto sua la frase di Cesare "meglio primo in Gallia che secondo a Roma" e di tale idea ne ha fatto uno dei capisaldi del suo modo d'essere.
Non é un libro per educande, quello proposto da Carrère. Ma é un libro che descrive con minuzia di particolari, la nostra Storia e quella di Eduard Savenko, in arte Limonov, che dal profondo della Russia ha visto e cambiato il Mondo.
Bellissimo.

Anabasi