lunedì 18 febbraio 2013

Il Sospettato X



Tetsuya Ishigami è un genio della matematica.
Promettente universitario persosi per strada, insegna alle superiori e conduce una grigia esistenza in esclusiva compagnia di formule e teoremi irrisolti.

Sarà proprio il più grande dei teoremi irrisolti, l’amore, a metterlo alla prova con l’arrivo di Yasuko e Misato Hanaoka, madre e figlia adolescente, nuove vicine di casa.

La presenza delle Hanaoka nell’appartamento accanto, il semplice suono delle loro voci, cambia profondamente la vita di Ishigami: fosse per lui, non chiederebbe di più per essere felice, ma il destino ha altro in mente. Come al solito.

Questo libro lascia la sensazione di un buon piatto mal cucinato.
Peccato, perché gli ingredienti sono validi e la carta dell’immedesimazione poteva essere giocata diversamente, non solo per far sorgere nel lettore la fatidica domanda: cosa avrei fatto al posto suo?, ma anche per dare vera suspense ad una trama che invece non decolla mai.

La parte finale è la migliore, quando purtroppo la disaffezione nei confronti dei protagonisti ha avuto la meglio e i “fili pendenti” sono troppi per essere riannodati.


Questo articolo è un contributo di Ezia, ospite del mio Blog.



Susa