domenica 4 dicembre 2011

Blog e Facebook

Chiude Splinder. Una brutta notizia per la Rete.
Si riducono gli spazi per conversare, dire la propria, scrivere anche solo una serie enorme di cazzate.
Fortunatamente sono su Blogger e non devo fare tutta la trafila. L'altro giorno ricevo il messaggio da Splinder che mi dice che chiude e me ne devo migrare su altro spazio. Mi é venuto male. Poi mi sono ricordato che la maggior parte delle mie idee si trovano su questo spazio e ho tirato un sospiro di sollievo.
I Blog sono diventati come dei salotti di casa, dove uno riceve gli altri mettendo in mostra l'argenteria e il servizio di piatti della festa. Cosa ben diversa da Facebook e Twitter, ove pare di essere in una piazza ed il brusio é tale che occorre alzare continuamente la voce per farsi sentire. Ci avete provato? Io si, e vi assicuro che mi ha disorientato assai. Era come stare al mercato e rincorrere le opinioni di tutti, ma anche la propria. Nulla di pensato, nulla di metabolizzato. Un emetter sentimenti direttamente dalla pancia e non dal cervello. A volte non è vero, sia chiaro. A volte vengono fuori intuizioni fulminanti, ma devi cercare, aspettare... E poi spesso nel giro di pochi minuti un argomento, come é apparso, scompare. Di che riflettere.

i Templari