venerdì 2 settembre 2011

I guardiani del destino - il film

Un film sulla psicologia? Un film sulla psicanalisi? Un film tratto da un racconto breve di Philip K. Dick riconosciuto autore di fantascienza (postumo).
Un fantomatico "Bureau" (armato di Borsalino) si attiva per riordinare il destino. Quando? Quando i nostri due, deviano dalla razionalità per dare retta ai propri impulsi. Escono dal razionale per la pulsione (in questo caso amorosa).
Un film così farebbe la felicità di Freud e Jung.
La storia d'amore é a mio giudizio la parte più bella. Oltre ovviamente al trucco delle porte. Che rappresentano le svolte possibili nell'animo umano. Chi privilegiare? La razionalità? O l'impulso? Incredibilmente il "Bureau" (con e senza Borsalino) si piega di fronte all'amore, ma soprattutto di fronte al coraggio di affrontare il destino. Bello.

GIulio Regeni? Amen...